Produzioni

PRODUZIONI

I BEI GIORNI DI ARANJUEZ

Associazione Teatro di Buti

di Peter Handke

SILENZIO (1969)
Un uomo e una donna siedono a un tavolo da giardino,
all’aperto, in un bel giorno d’estate, e parlano dell’amore.
Tra loro vi è intimità, confidenza, una franchezza spietata,
una sincerità disarmata, e lealtà nel rispettare il gioco delle
parti in uno scambio governato da regole precise…

PINTER/BECKETT

Associazione Teatro Buti

Con questa proposta di corti giunge a compimento il nostro viaggio nel mondo di Pinter.
Dai territori della memoria, della faticosa nostalgia, del malessere e della solitudine, si arriva e ci si inoltra sul terreno della politica con la denuncia delle forme di prevaricazione e tortura, che sono ormai pratica quotidiana per molti regimi. In questa breve antologica non poteva mancare quel testo di Beckett, Catastrofe ( scritto per solidarietà a Vaclav Havel) che Pinter amava e di cui era stato anche interprete e regista…

Memory Plays

Associazione Teatro Buti

di Harold Pinter

SILENZIO (1969)
è un testo che ha a che fare con la memoria e con il passato o meglio con l’ossessione della memoria e le sue vertigini.
Qui i temi della memoria, della perdita della memoria, dell’amore e dell’assenza di amore, della solitudine, sono affrontati dai tre personaggi del dramma, ognuno chiuso in un proprio spazio, uniti solo dal paesaggio che li circonda e anche se hanno brevi incontri, essi sono in forma di epifania, evocati dai loro ricordi…

Voci di famiglia

Associazione Teatro di Buti

di Harold Pinter

“Voci di famiglia (Family voices) scritta nel 1980 è andata in onda sulla BBC il 22/01/1981… le voci narranti sono tre; quella del figlio, quella della madre e infi ne anche quella del padre, che sembra provenire da una tomba di vetro.
è una commedia epistolare in cui ognuno racconta la propria quotidianità e le proprie esperienze…..voci che si parlano senza ascoltarsi; lettere probabilmente mai scritte o forse scritte e mai spedite o che comunque il destinatario non ha mai ricevuto”.
A. Serra.

Senza vincitori ne vinti (grande guerra 1915/18)

Festival Lunatica e Associazione Teatro di Buti

di Mario Rigoni Stern e Francesco Niccolini

Oggi mi sembra che tutto questo è stato semplicemente l’impossibile che accade, una guerra smisurata dove milioni di uomini senza nome, senza voce, senza diritti furono trasformati in carne da macello, costretti a una morte priva di dignità, senza alcuna forma di riservatezza e compianto. Priva di senso, lutto e sacralità. Le immagini dell’olocausto che da lì a poco un’altra follia criminale avrebbe generato, l’ammasso informe di cadaveri prodotti dal nazismo…

SILENZIO

Associazione Teatro Buti

di Peter Handke

Silence si può considerare una rarità perchè è inedito e quasi mai rappresentato.
è un testo breve che però, a detta dell’autore, è stato il lavoro per il quale ha impiegato più tempo per la scrittura a causa della “sua struttura piuttosto difficile”. è un testo che ha a che fare con la memoria e con il passato o meglio con l’ossessione della memoria e le sue vertigini.
Qui i temi della memoria, della perdita della memoria, dell’amore e dell’assenza di amore, della solitudine, sono affrontati dai tre personaggi del dramma, ognuno chiuso in un proprio spazio, uniti solo dal paesaggio che li circonda e anche se hanno brevi incontri, essi sono in forma di epifania, evocati dai loro ricordi… 

Emma B. Vedova Giocastra

Associazione Teatro di Buti

di Alberto Savinio

Alberto Savinio, scrittore, pittore, critico, giornalista, uomo di teatro, rappresenta una delle figure di spicco della cultura italiana del 900 ed in particolare incarna quell’ecclettismo intellettuale così poco praticato nel panorama degli intellettuali italiani spesso alla ricerca di una categoria in cui essere inseriti per diventare organici alla società.
Savinio invece ha sempre mantenuto un profilo europeo, interdisciplinare e munito comunque della preziosa arma dell’ironia per decostruire i valori di un Italietta molto borghese, molto conservatrice e quindi fascista…

Incolpevoli

Associazione Teatro Buti

Da Herman Broch

Colpevoli

Associazione Teatro Buti

Ci sono delle cose, degli avvenimenti che il tempo non può cancellare e la solita domanda allora è: “come è stato possibile… perchè?” E molte sono state le risposte ognuna con la sua logica spiegazione, ma non bastano e tutte le volte che si esamina quel periodo dove il fascino del male si confonde con l’orrore del sangue siamo come disarmati, sgomenti, impotenti…

DEL CHOLERA MORBUS
Buti 1885

Associazione Teatro Buti – Compagnia F.di Bartolo

di Enrico Pelosini

Una pubblicazione sul Cholera a Buti. Sull’epidemia che sconvolse il paese nel 1885?
Quando trovai quel piccolo opuscolo nel cassetto del vecchio comò fu come immergermi in un mondo altro, pieno di odori e passioni distanti dall’oggi. Eppure così attuali.
Lo rilessi più volte.
Anche in quella vicenda il teatro aveva un ruolo unico, irripetibile.
Era necessario che quei fatti fossero rappresentati. Proprio al “Teatro Francesco di Bartolo”….

Appunti per un’odissea Pop

Associazione Teatro Buti

a cura delle residenze pisane

Grazie al sostegno della Provincia di Pisa le Residenze Pisane che operano a Buti, Pisa, Santa Croce sull’Arno e San Miniato hanno intrapreso un percorso progettuale che intende sviluppare anche sul piano artistico un’azione comune, un laboratorio di interazione fra le figure creative che operano tramite le residenze in questo territorio provinciale. Dopo la prima esperienza coproduttiva comune del 2011 denominata “W Garibaldi” nasce quest’anno il progetto “Vie d’Acqua” …

Il Cammino

Associazione Teatro Buti

Oratorio drammatico di: Bernard Marie Koltès

Dopo Amleto e Coco si rimane un po’ segnati dall’incontro con questo scrittore e sentivo il bisogno di fare con lui un altro percorso di conoscenza del profondo attraverso uno dei suoi scritti teatrali ingiustamente considerati minori.
L’occasione l’ho avuta quando ho trovato questo testo così poco conosciuto in una libreria di Parigi e subito mi ha colpito per la sua originalità e forza poetica tanto che alcune pagine brucianti sembravano scritte da Artaud…

Apocalisse di Giovanni

Associazione Teatro Buti – Favolanti

Si tratta dell’ultimo libro della Bibbia,
quello che riguarda gli eventi che dovranno accadere.
E’ scritto da Giovanni, l’apostolo più giovane, l’unico presente sotto la croce.
A dettare il testo  Gesù Cristo, e ha condurre Giovanni,
nei luoghi celesti, e in un altro tempo, per farglieli vedere gli avvenimenti con i propri occhi, è un angelo…

L’angelo d’inverno

Associazione Teatro Buti

Non c’è forma più adatta di quella dello studio per affrontare questo atto unico di Cechov. Questa piccola opera, nella sua apparente semplicità, contiene una sfida potente per l’attore. Lo costringe a fare i conti con le questioni essenziali del suo mestiere, e in questo procedere, esattamente come accade al protagonista della nostra storia, comincia a scoprire la sua propria condizione…

La Madre

Associazione Teatro Buti

La Madre

Associazione Teatro Buti 

dialogo di Cesare Pavese

con Giovanna Daddi e Dario Marconcini

 

messa in scena Jean-Marie Straub

luci Riccardo Gargiulo
musica Gustav Mahler

Sulla strada Maestra

di Anton Cechov

Associazione Teatro Buti

Pur non essendo uno dei testi capolavoro di Cechov, ma piuttosto una delle sue prime prove di scrittura teatrale, c’è qualcosa che mi lega in maniera misteriosa.
Forse dipende dal fatto che, durante i lontani anni dell’università, ne feci parte come attore alla fine di un percorso teatrale legato al metodo Strasberg; o forse perchè quest’anno, dopo aver disceso il Dniepr, mi sono trovato con emozione a Yalta nel salotto della casa di Cechov davanti al tavolo dove avevano con lui pranzato Stanislavskij e i componenti del Teatro d’Arte di Mosca durante la loro tournée in Crimea.

Piantate in terra come un faggio o una croce

di e con Elisabetta Salvatori

Associazione Teatro Buti – il Funaro

La vita di Caterina da Siena e Beatrice di Pian degli Ontani

di e con Elisabetta Salvatori

luci Riccardo Gargiulo
violino Matteo Ceramelli

L’inconsolabile Orfeo

con Giovanna Daddi e Andrea Bacci

Associazione Teatro Buti

messa in scena Jean-Marie Straub

luci Riccardo Gargiulo
musica Robert Schumann